Lorenzo Linthout Capirossi

Ex Ospedale Psichiatrico di Mombello, Limbiate, Monza e Brianza (Italy), 2014
stampa su carta fotografica patinata
50 x 7 0 cm

Vuoto d’amore, Alda Merini
40 x 50 cm

Marzahn-Hellersdorf Berlin (Germany), 2011
stampa su carta fotografica patinata
50 × 70 cm

Charlie Weber in “C’era una volta la D.D.R.”, Anna Funder
40 x 50 cm

La rabbia dovuta alla castrazione di libertà, all’impossibilità di esprimere il libero pensiero, all’assenza di spazio, tale da portare il singolo individuo all’afasia trova il proprio sfogo nell'”oltre”, quel luogo infinito sempre esistito ma reso impermeabile dalla presenza di forti elementi che non ci permettono di viverlo. É solo attraverso l’abbattimento delle barriere che il nostro corpo e la nostra mente potranno riappropriarsi degli spazi negati, non attraverso una rivolta, ma una rivoluzione.

Anger due to the castration of freedom, the impossibility of expressing free thought, the absence of space, such as to lead the individual to aphasia finds its outlet in the “beyond”, that infinite place that has always existed but made impermeable by the presence of strong elements that do not allow us to live. It is only by breaking down barriers that our body and mind can regain possession of the denied spaces, not through a revolt, but a revolution.