Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Artfarm 2008
 

SITE SLOGAN

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Artfarm 2008

4 luglio 2008, ore 21. Si è aperta Artfarm, con una “festa” all’insegna dell’arte. L’evento è a cura dell’associazione culturale Pilastro Artfarm che da alcuni anni propone, oltre ad artisti affermati in ambito internazionale, anche personalità talvolta marginali rispetto al circuito commerciale e artistico dominante, che offrono stimoli di particolare interesse. La corte di Cà Ottolina e gli edifici annessi offrono un ambiente ideale, anche per la loro collocazione geografica, fuori dalle vie di transito e dagli agglomerati urbani più frequentati e allo stesso tempo non lontana da Verona e da Legnago.

Marco Ambrosi, fotografo di fama internazionale, presenta Book as Body, opera realizzata insieme alla calligrafa Monica Dengo e alla poetessa Tsering Dhompa. E’ un’opera di grande raffinatezza visiva, dove aleph e beth dell’alfabeto ebraico sono scritti in forma di calligramma sulla pelle nuda di alcuni modelli. I segni sebrano estendersi oltre i confini del corpo, proiettando nell’aria germogli di senso.

Nel 2008 l’offerta creativa di Artfarm si è arricchita della partecipazione di Outsider Art o Arte irregolare, un progetto coordinato da Daniela Rosi, realizzato con la collaborazione del Centro di Riabilitazione neurologica Franca Martini di Trento e dell’Accademia di Belle Arti G.B. Cignaroli di Verona. Il progetto, attivo da alcuni anni, mette in stretto contatto studenti dell’Accademia e utenti di alcuni centri di riabilitazione che frequentano gli atelier FATATO GENGISCAO di Marzana, Aut Aut di Mantova e l’atelier di Trento, con lo scopo di valorizzare le capacità di tutti i partecipanti e di mostrare come dalla malattia si possano anche avere delle chances e non solo delle limitazioni.

Unlimited è stato il tema dominante di Artfarm 2008: senza limiti, senza barriere, senza distinzioni, senza pregiudizi. L’arte nasce da una singolare maniera, da parte dell’artista, di avventurarsi oltre i limiti della propria fragilità umana.

Presenti artisti che utilizzano varie tecniche e mezzi: pittura (Tiziano Spinelli, Varinia Rettondini, Diego e Paolo Salezze, Marlene Coco, Simonetta Perlini, Giovanni Montrucoli Brombin) scultura e installazioni (Clara Carvajal, Ursula Heindl, Dietmar Franz, Brigitte Lang, Sergio Zandonella) collage (Toni Wirthmuller) tecniche miste (Umberto Polazzo, Micaela Sgrò) fotografia ( (Marco Ambrosi) vetro (Benedetta Giusti). Daniela Rosi  ha realizzato un’installazione intitolata “Geografie” con opere di artisti marginali casuali (Paolo Salezze) outsieder (Diego Salezze) e con i Pianeti della maestera del vetro Benedetta Giusti.

Artfarm 2008 è stata realizzata con la collaborazione di Antonia Montenovesi, per gli aspetti organizzativi e di selezione delle opere, e del San Giò Videofestival curato da Ugo Brusaporco, per gli aspetti relativi al video d’autore. La mostra è rimasta aperta fino alla sera del 12 luglio, per una serata di chiusura.

You are here: archivio Artfarm 2008